#Recensione: La ragazza del Treno ,Paula Hawkins

jbjbug

Buongiorno!

Ho appena finito #laragazzadeltreno e devo ricredermi rispetto alla mia posizione assunta quando L’ho iniziato. Ho deciso di  comprarlo perché l’ho visto posizionato sul primo scaffale, dopo settimane che aveva scalato ogni classifica italiana e aveva raggiunto, così ,il primo posto in ogni libreria e in quelle di Milano.

E’ edito da Piemme ed è un romanzo uscito l’anno scorso (2015) che ha venduto più di 3 milioni di copie.
La scrittrice, Paula Hawkins, è diventata celebre grazie a questo e unico libro ed è britannica…


È un thriller molto leggero, si sfoglia in una settimana e all’inizio è un po’ ostico entrare nel meccanismo narrativo adottato dalla Hawkins, ma tutto sommato non é uno dei peggiori libri che abbia letto. La storia di per sé è interessante anche se ho trovato un po’ non intriganti, e poveri di descrizione i personaggi .

La storia è narrata attraverso gli occhi di una pendolare londinese di nome Rachel che ogni andata e ritorno, mentre é con la testa altrove, osserva le case che sfrecciano dal finestrino e si affeziona virtualmente ad una coppia residente in una delle case. Così , giorno dopo giorno cerca di ricostruire le vite di Jess e Jason, I cui nomi scoprirà essere Megan e Scott.

Megan scompare e Rachel si troverà nei guai per via della sua vulnerabilità con l’alcool: Tenterà in ogni modo di capire se lei ha avuto a che fare con quello accaduto a Megan e per quale motivo ha una ferita alla testa.

La Hawkins ha un modo di scrivere che non mi dispiace: utilizza un lessico non molto ricercato e cerca di scendere a fondo  nei personaggi descrivendo spesso il loro stato emotivo tramite auto-riflessioni. La lettura è un po lenta in principio ma i colpi di scena che presenta sono pressoché inaspettati e sconvolgenti.

Ho impiegato esattamente 20 giorni per finirlo, ma se lo si legge in un periodo privo di impegni ( cioè mai) richiede molto meno tempo, anche perché è di circa 306 pagine.

senza-titolo-001

 

Grazie della lettura,

Un Acido.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial