HER: E se tutto questo diventasse realtà?

her-spike-jonze-poster

 

#HER.

Ieri sera ho avuto la splendida idea di vedere il nuovo film di Spike Jonze, punto primo: perché era una serata triste , punto secondo: perché diverse persone mi hanno consigliato di vederlo  e di , magari , parlarne dopo riguardo al significato di questo film.

UN PO DI TRAMA ( TRANQUILLI NON VI ANTICIPO NULLA DEL FINALE): In poche parole il protagonista è Theodore Twombly, un uomo solitario che lavora per una società che si occupa di scrivere lettere a mano, e dato che vive in un futuro ( oserei dire: non più lontano di 50 anni) iper tecnologico, possiede una sorta di smartphone che lo guida in tutti i processi possibili al mondo , tra cui lettura di email , ricerche varie, da un Sistema Operativo un po’ speciale: Samantha.
Samantha, che ha la splendida voce di Scarlett Johansson, non è un OS qualunque, è  quello per eccellenza: riesce a sentire emozioni , capisce quando Theodore è triste , cosa lo preoccupa e la cosa geniale è che secondo dopo secondo si aggiorna e si avvicina sempre più al carattere di una persona umana , incorporale ovviamente.
Ed è proprio grazie a Samantha che Theodore riesce a superare il divorzio , a tal punto da innamorarsi di lei , di desiderarla ma.. non tutto sarà così rose e fiori.

Read more

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial